Contoterzisti e Fiscalità


Giornata di formazione sulla legge di stabilità 2015
Assunzioni più facili e nodo split payment

Dal primo gennaio, con la nuova legge di stabilità, sono cambiate le regole su lavoro e fisco. Alcune buone notizie, come la riduzione dei contributi per i nuovi assunti e la deducibilità dell'Irap, altre meno positive, come l'aumento dell'aliquota per i lavoratori autonomi, ad altre ancora che attendono chiarimenti, come lo split payment.

Per approfondire tali novità, le organizzazioni provinciali dei Contoterzisti Uncai hanno partecipato presso la sede di Apimai Ravenna a una giornata di studio con il fiscalista Gian Paolo Tosoni, editorialista de Il Sole 24Ore ed esperto in Questioni Fiscali del Settore Agricolo.

Numerose le novità che le associazioni dei contoterzisti hanno fatto proprie per fornire una consulenza precisa e puntuale a tutti i soci su temi fiscali.

Tra gli aspetti più rilevanti, ha puntualizzato Fabrizio Canesi,  presidente del Collegio dei Revisori dei Conti Uncai, c'è "la riduzione del'Irap, grazie all'integrale deducibilità del costo sostenuto in riferimento ai lavoratori a tempo indeterminato". Per far ripartire le assunzioni si aggiunge, inoltre, un altro strumento utile alle aziende visto che "assumendo una persona disoccupata da sei mesi che non abbia mai lavorato presso di lei, l’azienda usufruisce dell'abbattimento dei costi dei contributi fino a 8060 euro all'anno per tre anni, in pratica un azzeramento. Nel Cremonese grazie a questo strumento alcune aziende agromeccaniche hanno già assunto nuovo personale oppure lo stanno per fare. Crediamo che in marzo, con l'inizio della nuova campagna, si registreranno diverse nuove assunzioni a tempo indeterminato".

Meno chiara e positiva per tutto il comparto primario sembra invece essere il sistema dello split payment (scissione dei pagamenti) con il quale la Pubblica amministrazione verserà direttamente allo Stato l'Iva per le forniture dei privati. "Con il provvedimento – spiega Canesi – i fornitori della Pubblica amministrazione riceveranno le somme loro spettanti al netto dell'Iva. Per esempio, i contoterzisti non riceveranno più l'iva per la manutenzione di strade e territorio, mentre le aziende agricole non la riscuoteranno per le forniture di energia di impianti a biogas. In pratica, con lo split payment non sarà più possibile, acquistando macchinari, compensare con il credito d'Iva dovuto dalla pubblica amministrazione".



Data pubblicazione

20-1-2015

Allegati



Torna alla lista delle comunicazioni

Diventa socio
di UNCAI

Normative e
documenti

Link Utili
e portali

Partners e
convenzioni

Vai a
Confagricoltura

Previsioni
Meteo

L'Accademia
risponde

Entra nella
Gallery

Magazine
UNCAI

Partners